• Torna ^ Su



  •  

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    .........................

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     


     

     

     

    22 Marzo 2014  presentazione del libro

    PAESE  MIO,    PAESE  TUO

    è il completamento del meraviglioso volume precedente "Il Dialetto di Quargnento" degli stessi autori.

     

     

     

     

    Riporto qualche citazione tratta dallo splendido volume:

     

    QUARGNÉNT

     

    L'è gròs cmè in fasulét

    al me pais

    ma a drèra a tit al fnèstri

    t pori truvà in amis.

    A l'oma cicià

    cou lac d nòstra màri

    l'amicisia e u rispèt

    i sou primma du turnachint

    e du salàri.

    Uj è pasà veiri carestij

    ot setember e ventiseng(u) avri

    ma cul ch'u dév cambià

    al cor d Quargnent l'a ancùr d'amni.

    E se la vitta

    l'è in bàti d na parpéira (palpebra)

    ch'u j è ancùr nènt

    pasà matéi

    e u j è fa rivà la séira.

    la gént ant ist pais

    l'an pàsa mai,

    s la sta con la so léngua,

    la so cultira,

    al so paròli. che néi al pudrà piaj!

    L'è gròs

    cmè in fasulèt

    al me paìs ma adrèra a tit al fnèstri

    t pori truvà in amis

     

    Domenico Dorato

     

     

     

     

    "Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via.

    Un paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante,

    nella terra c'è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei

    resta ad aspettarti ... "

     

    Cesare Pavese

     

     

     

     

    LE TRADIZIONI PIU’ ANTICHE, PIU’ O MENO SCOMPARSE

     

    La luna

     

    La luna scandiva la vita dei contadini nelle varie manifestazioni quotidiane.

    Sulla luna si basavano le semine, il taglio di capelli, i parti. i lavori della cantina ed altre cose.

     

    Nascevano cosi dei modi di dire come

     

    prim Quart - primo quarto, gobba a ponente luna crescente

    léina peina - luna piena (bianca)

    ultim Quart - ultimo quarto, gobba a levante luna calante

    léina nova - luna nuova (scura sui calendari)

    ch la crès - luna crescente, primo quarto

    ch la càla - luna calante, ultimo quarto

    pèi-na cmè na - pieno-a come una luna (ubriaco-a)

    ciar dla … - chiaro di luna

    ési d … bouna - essere di luna buona

    bàti la … - 'battere la luna', comportarsi in modo non razionale, essere di pessimo umore

    al fa la … - 'fa' la luna, si compie una nuova lunazione

    preténdi la … - pretendere la luna

    fa vìgghi la … ant al pùs - far vedere la luna nel pozzo, illudere

    mal dla … - epilessia (anche mal cadi)

    ési ans la … - essere sulla luna, essere distratto, sognare

    smià la … péina - sembrare la luna piena, essere grassottelli

    an … da mé - in luna di miele

    ant al mond dla … - (vivere) nel mondo della luna, fuori della realtà.

     

     

     

     

     

    I COGNOMI PIU’ DIFFUSI A QUARGNENTO (DATI AL 2012)

     

    In percentuale:

     

    Rossi:   23,80%

    Cuttica:  19,04%

    Zaio, Castello, e Cresta:  14,28%

    Benzi. Emanuelli e Genovese:  11,90%

    Carrà e Milanese:  9,52%

     

    Se risaliamo al tardo 1500 e nei decenni successivi, i cognomi più diffusi erano:

     

    Alineri

    Fragia (Fracchia?)

    Carrà

    Cuttica

    Calcamuggi

    Gamboa

    Pelucho (Pelucco)

    Asinelli (una delle famiglie più importanti i cui esponenti ricoprivano cariche pubbliche, religiose e di intervento assistenziale)

    Qualia (poi Quaglia)

    Qualtorto

    Cuia

    Motta

    Picchio

    De Avergnati

    De Giorgi

    Albertazzi

    Guaraco, famiglia spentasi nel 1685 (donde la cascina al Uaràcht)

    Sacco e Sacchi

    Cancellarius (Cancelliere)

    Ferrari o Ferrara (per errore di trascrizione alcune famiglie diverranno Ferraris)

    Vella

    Refrancore

    Millaneso (Milanese)

    Lanzavegia.

    Capello

    Reposis

     

    Alcuni esponenti delle famiglie più antiche di Quargnento ricoprirono incarichi pubblici di rilievo in Alessandria.

     

     

     

     

     

    Alcuni soprannomi quargnentini  posti in ordine sparso

     

    Cui dla Brajétta.

    cui dla Pas

    al Biond

    Barachin

    Baluchin

    cui dla Mutta.

    Mantèla

    Munòt

    Càilu

    Farinòt

    Sanavréi

    sbirou.

    Tituréi.

    Madunéi

    cui dla Giudéa

    Ciapamùschi

    Faso'

    Al Magréi

    al Mòru

    Cecantòni

    u Lulù

    u Tulè

    Al Mandrògn

    cui dal Vò

    Luvét

    La Parnis

    Uaròt

    Balabéi

    al Frà

    Al gran Masà

    Ciflòt

    Gabòt

    Garavè

    Guistéi al barbé

    Bifét

    Bifétta

    Stòmi

    Tracà

    Varsou

    Nisuléi

    Pizzorno (Pinéttu)

    Cichinou

    Gianou

    Pulentou

    Tarpou

    u Suglin

    Al Can

    al Gran Masà

    al Mambròs

    Balou

    Busagnàdu

    Chitaruffo

    Ciòt

    Gatéi

    Grasòt

    Livignou

    Muscatè

    Palèrru

    Paride

    u Sebrà

    Veronica

    Limou

    Pidràn

    Uisàn

    la Notte

    Cui dla Baldéina.

    Pisou

    Martéi

    Fliséi

    al Bèl mond

    Cagèp

    Firbòt

    Lavàgna o Lasàgna

    Pasarétta

    Rusou

    Cui d Jàcu

    Pèrru

    Baliéssa

    Gatìnna

    Bùcia

    Marianéi

    Gisét

    Gniséi

    Riculou

    Barbisét

    Farik

    Cui dla Carulina

    Galinòt

    Minichin

    Colia

    Vilòt

    al Fantéi

    Frascàra

    Bartéi

    Giravasè

    Pitéi

    Sapét

    Vesculéi

    Bumpàt

    u Suldà

    sutrinna

    Al Véscu

    al Prévi

    l'Ugin

    Pidruléi

    Tularét

    Al Fatù

    Buschin

    Castagnin

    cui dal Mut

    Scaflòt

    Cui d'an Valùrs

    Masméi

    Panàda

    cui dla Capsouna

    Marcilou

    Menelik

    Babòni

    Ricu al pulajè

    Griuéra

    Agèllo

    Cui dla Mariou

    dla Caséina

    Santantoni

    dla Gama

    dal Caséini Bianchi

    d'an Vedapùs

    Al Maresciàl

    Tartàja

    cui dla Rufiàn-na

    cui dla Gloudia

    Patariòt

    Cui dai Vissi

    dal Funtanéi

    dal Casinou

    dla Luva

    Carubè

    u Gianè

    al Cumisiuné

    Catarnét

    u Sarou

    Al Pudestà

    al Presidént

    Bìtli anàn

    Ciaciaréi

    Cimént armà

    cui dla Caséina nova

    Cui dla Mòisa

    Parlapòch

    u Savatàs

    u sviser

    la Montagnou

    Faròt

    Giardinét

    Giardinétta

    Dui e Mès

    RicoLou

    Risulou

    u Rondu

    Velinu

     

    (S'uj n'è ancùra giuntéi vui.")

     

    ..............

     

     

     

     

     

    Parte di quanto inserito in questa pagina è tratto dal Libro "PAESE  MIO,  PAESE  TUO"

     
    di Mattia Ferraris  e Domenico Dorato.
     

    Tutti i diritti di proprietà  ed i Copyrights vengono riconosciuti ai legittimi proprietari.

    Il sito non ha scopo di lucro.  Cazzulo Luciano non vanta alcun diritto su di essi.
          Se qualche copyright è stato violato, vi prego di informarmi tramite E-mail (luciano@cazzulo.it)
          ed i testi o le immagini verranno rimosse.
     Grazie
    Luciano Cazzulo

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Webmaster - Luciano Cazzulo - 25/12/2005 - Aggiornamento 10/01/2016